Le capacità coordinative

Le capacità coordinative sono capacità che organizzano, controllano, regolano e trasmettono il movimento e dipendono dal grado di maturazione del sistema nervoso centrale e periferico.

Che cosa significa essere coordinati? Un soggetto molto coordinato compie dei movimenti fluidi, precisi e con il minor dispendio energetico.

Sono capacità proprie dell’individuo, in parte ereditate geneticamente e in parte migliorabili con l’allenamento.

Le capacità coordinative sono suddivise in generali e speciali.

Le capacità coordinative generali sono:

LA CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO MOTORIO
LA CAPACITÀ DI DIREZIONE E CONTROLLO MOTORIO
LA CAPACITÀ DI ADATTAMENTO E TRASFORMAZIONE DEL MOVIMENTO

Le capacità coordinative speciali sono:

LA CAPACITÀ DI COMBINAZIONE GLOBALE o DI COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE
LA CAPACITÀ DI COMBINAZIONE PARZIALE o DI COORDINAZIONE INTER-SEGMENTARIA
LA CAPACITÀ DI COORDINAZIONE OCULO-SEGMENTARIA (oculo-manuale, oculo-podalica, con altri segmenti)
LA CAPACITÀ DI ORIENTAMENTO SPAZIO-TEMPORALE
LA CAPACITÀ DI DIFFERENZIAZIONE CINESTETICA
LA CAPACITÀ DI EQUILIBRIO
LA CAPACITÀ DI RITMIZZAZIONE o DI RITMO
LA CAPACITÀ DI REAZIONE MOTORIA
LA CAPACITÀ DI ANTICIPAZIONE MOTORIA

Nonostante tale classificazione, la distinzione tra una capacità coordinativa e un’altra non è così netta, poiché hanno molti aspetti in comune.

Il periodo di maggiore sviluppo e di apprendimento ottimale delle capacità coordinative è tra i 6 e i 12 anni. Questo, però, non vuol dire che in età adulta non si possano sviluppare e apprendere tali capacità, sarà solo più lento e difficoltoso.

Un altro vantaggio nell’allenare le capacità coordinative tra i 6 e i 12 anni è che da adulti, quando si diventa atleti o sportivi evoluti, ci si ritrova con delle abilità motorie già disponibili e che quindi non occorre andare a recuperare.

Articoli Correlati