Le proteine

In qualunque attività sportiva, al termine dell’allenamento, bisogna introdurre delle proteine il più presto possibile perché si apre la finestra anabolica, cioè un breve periodo in cui i muscoli sono massimamente predisposti ad assorbire e utilizzare i nutrienti (carboidrati, proteine e grassi) per la sintesi di nuovo tessuto contrattile e per la riparazione di quello lesionato dall’attività fisica. Nonostante la finestra anabolica duri intorno alle 6-7 ore, è meglio mangiare appena terminato l’allenamento per sfruttarla il più possibile, salvo imprevisti massimo entro 2-3 ore. Come fare per mantenere elevata la…

Continua a leggere

Analisi composizione delle acque minerali italiane

Un’indagine realizzata nell’ambito del progetto Atlante Europeo dell’EuroGeoSurveys Geochemistry Expert Group ha permesso di conoscere tutti i dati relativi alla composizione delle acque minerali italiane. SCIOCCANTE è la quantità di ARSENICO (AS) visualizzabile nella quinta colonna. L’Unione Europea ha imposto un limite massimo di 10 μg (microgrammi) per litro per la acque minerali.L’Arsenico, difatti, è classificato dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro come elemento cancerogeno di classe 1, pericolosissimo per l’essere umano. Clicca sull’immagine sottostante per visualizzare il pdf:

Continua a leggere

Consigli sull’acquisto di frutta e verdura

1. Comprare frutta e verdura esclusivamente di stagione 2. Comprare frutta e verdura prevalentemente biologica 3. Comprare frutta e verdura di 5 colori diversi Assicurarsi di mangiare in una giornata frutta e verdura di 5 colori non significa per forza mangiare 5 verdure dei 5 colori + 5 frutti dei 5 colori, ma significa almeno mangiare tutti e 5 i colori come somma totale di frutta e verdura, per esempio:2 porzioni di verdura di cui: 1 porzione di barbabietole rosse (colore rosso), 1 porzione di finocchi (colore bianco) +3 porzioni…

Continua a leggere

Carboidrati prima, durante e dopo la gara

Carboidrati PRIMA della gara: devono servire a riempire i depositi di glicogeno nei muscoli e se la gara è di mattina nel fegato. Il digiuno notturno di 8 ore fa diminuire la quantità di glicogeno del 70-80%, infatti correre al mattino a digiuno sicuramente non è il massimo per la performance;non devono elevare le concentrazioni ematiche di insulina. PASTO PRE-GARA: va consumato 3-4 ore prima della gara in modo tale da arrivare alla gara con i processi di digestione già quasi completati. Preferibili i carboidrati complessi (riso integrale, pasta, polenta), ma…

Continua a leggere

La creatina

L’integrazione di creatina potenzia il guadagno di massa muscolare, forza e potenza. Utile per la dieta dello sportivo che desidera incrementare le prestazioni fisiche in caso di attività ripetitive di elevata intensità e di breve durata. La creatina favorisce indirettamente la sintesi proteica La creatina è in grado di sostenere l’allenamento aumentando la capacità di lavoro dell’atleta, sia in termini d’intensità sia di volume e ciò favorirà la sintesi proteica con l’aumento di massa muscolare. Pertanto, l’aumento di muscolatura avviene come conseguenza del maggior lavoro a cui l’atleta può sottoporsi…

Continua a leggere

Glicemia in base a 3 tipologie di colazione

Colazione a base di carboidrati semplici Al mattino, i soli carboidrati semplici, come lo zucchero nel caffè o nel tè, possono darti energia e placare la fame, ma l’effetto non è duraturo. Infatti, nel tuo corpo si registra subito un aumento eccessivo dei livelli di zuccheri nel sangue, seguito da una drastica riduzione (ipoglicemia reattiva). Il risultato è debolezza, difficoltà di concentrazione e stimolo della fame nel corso della mattinata. Inoltre, una colazione a base di soli carboidrati può risultare povera di nutrienti essenziali per il buon funzionamento dell’organismo come…

Continua a leggere

Quale acqua è meglio bere?

Dagli studi dell’idrologo francese Vincent, prof. d’igiene alimentare, si è dimostrata la relazione tra malattie e acqua potabile: dove l’acqua aveva un residuo fisso basso, la mortalità era inferiore. Chi era Claude Vincent? Vincent era un idrologo francese nato nel 1906 a Puy in Francia, nel 1926 divenne professore d’igiene alimentare. Nel 1936, dopo 10 anni di studi, Vincent scoprì le leggi bioelettroniche dell’acqua grazie all’enorme quantità di dati statistici sulla popolazione che il governo francese gli aveva messo a disposizione. In una delle sue missioni estere in Libano negli…

Continua a leggere

Le diete per i disturbi digestivi

Dieta per disturbi digestivi

“Ho mal di stomaco”, oggi debbo mangiare leggero”. Ho un po’ di mal di pancia, debbo mangiare in bianco”.  Ecco due frasi molti comuni, ma anche molto vaghe: il brodo è leggero? Il latte è certamente bianco, ma fa sempre bene? Su questi argomenti possono nascere discussioni interminabili. Invece è facile indicare i pasti più adatti per superare due comuni disturbi digestivi; ecco qualche indicazione.  Indigestione e vomito A volte lo stomaco non riesce a digerire il cibo; le cause più frequenti sono: mangiare troppo;mangiare in continuazione senza dare riposo…

Continua a leggere

Il nostro amico pane

Pane di semola di grano antico duro integrale Tumilia

Tutti i tipi di pane sono uguali? No, il pane non è tutto uguale. La baguette tanto amata dai francesi è gustosa, ma non ha un grande valore nutrizionale. Il pane integrale o con i semi fornisce invece sali minerali e fibre. Meno la farina è raffinata, meglio è. Se potete, acquistate poi pane biologico prodotto con farina di grano coltivato senza pesticidi. Ancora meglio se la farina è di grani antichi, come il pane qui accanto nell’immagine, ovvero un “pane biologico di semola di grano duro antico integrale Timilia…

Continua a leggere